News

Giornata Diocesana dei ragazzi di Prima Comunione e Cresima In evidenza

DOMENICA 29 MAGGIO 2022

GIORNATA DIOCESANA DEI RAGAZZI DI PRIMA COMUNIONE E CRESIMA

«DI QUESTO VOI SIETE TESTIMONI»

 

 PROGRAMMA PER I VICARIATI

Ore 10:00                  Arrivi e sistemazione nei luoghi di accoglienza

Ore 10:30                  Preghiera iniziale e incontro festa sul Messaggio del Vescovo

Ore 11:30                  Celebrazione Eucaristica

Ore 12:30                  Pranzo a sacco

                         

PROGRAMMA PER IL VICARIATO DI CALTANISSETTA

Ore 10:00                  Arrivi e sistemazione nei luoghi di accoglienza

Ore 10:30                  Preghiera iniziale e incontro festa sul Messaggio del Vescovo

Ore 11:30                  Pellegrinaggio privato dalle parrocchie verso la Cattedrale

Ore 12:00                  Celebrazione Eucaristica presieduta dal nostro Vescovo

  

A CALTANISSETTA

Caltanissetta 1 (Chiesa Sacro Cuore): Sacro Cuore - S. Biagio - S. Pietro – Cattedrale - S. Croce – S. Domenico - S. Agata - S. Lucia - S. Flavia - S. Spirito - S. Barbara - Borgo Petilia.

Caltanissetta 2 (Chiesa San Pio X): S. Pio X - S. Paolo – S. Marco – Regina Pacis - S. Michele - S. Luca - S. Giuseppe - Cozzo di Naro S. Rosalia a Niscima.

A SAN CATALDO (S. Maria di Nazaret): Delia – Montedoro - Serradifalco – Sommatino.

A MUSSOMELI (Cristo Re): Acquaviva Pl. – Bompensiere - Campofranco - Milena - Sutera - Vallelunga Pr. - Villalba

A CALASCIBETTA (S. Caterina Vill.sa): Marianopoli - Resuttano - Santa Caterina Vill.sa.

Leggi tutto...

Festa di Maria Ausiliatrice In evidenza

MARTEDÌ 24 MAGGIO ORE 19:00

FESTA DI MARIA AUSILIATRICE

 

«È noto che don Bosco, verso il 1863, cominciò a celebrare Maria Santissima sotto questo titolo per diversi motivi, e non solo per la costruzione del grandioso santuario in Valdocco, ma soprattutto per la difesa della Chiesa e del Papa in quegli anni particolarmente difficili. A don Bosco sembrava che l’aiuto di Maria fosse quanto mai necessario e ne propagava la devozione, convinto che non si trattava solo più “di tiepidi da infervorare, peccatori da convertire, innocenti da conservare”, ma di salvare la stessa Chiesa “assalita da ogni parte” (cfr. Giovanni Bosco, Meraviglie della Madre di Dio, invocata sotto il titolo di Maria Ausiliatrice, Torino 1868). Certamente i tempi sono cambiati, ma le difficoltà sono sempre presenti: pregate ogni giorno Maria Ausiliatrice, vostra patrona, per le vostre necessità spirituali e materiali; ma pregatela soprattutto per le necessità della vostra parrocchia, e della Chiesa intera!».

SAN GIOVANNI PAOLO II,

Omelia nella celebrazione della Santa Messa,

Visita alla Parrocchia di Santa Maria Ausiliatrice al Tuscolano,

domenica 20 maggio 1984

Leggi tutto...

“I fratelli Karamazov” e le loro domande capitali In evidenza

Torna in una nuova traduzione, fluida, aggiornata e scorrevole, quindi benemerita, di Claudia Zonghetti, il capolavoro di Fëdor Michajlovic Dostoevskij, di cui quest’anno abbiamo celebrato il bicentenario della nascita, I fratelli Karamazov (Einaudi, due volumi, pp. 1080, 32 euro) che tutti, prima o poi, dovrebbero leggere e/o rileggere. Le interpretazioni che possiamo dare di questo romanzo immortale, ultimo del grande scrittore, pubblicato per la prima volta a puntate sul Messaggero russo nel 1880, cambiano prospettiva secondo le stagioni della vita. Da giovani lo amiamo magari senza comprenderlo appieno. Da adulti non possiamo far altro che arrenderci di fronte alla potenza delle domande capitali poste dalla narrazione, le quali riguardano il nostro modo di stare al mondo: come dobbiamo vivere? È possibile mettere insieme Dio e la libertà umana? Quale valore attribuire alla giustizia terrena? Dove trovare il senso dell’esistenza?

Il nocciolo tematico, la storia di un parricidio, non rende certo la complessità della storia: Fëdor Pavlovic, vecchio dissoluto carico d’energia vitale, viene trovato morto nella sua casa ai margini del villaggio. L’accusa cade su Dmitrij, primogenito, come il padre innamorato di Grušenka, affascinante e sfrenata, ma attratto anche da Katerina Ivanovna, alla quale ha saldato un antico debito. Tuttavia il vero esecutore del crimine risulterà Smerdjakov, epilettico figlio bastardo tenuto in casa come un servo, istigato da Ivan, secondogenito, ateo dichiarato, autore di un componimento, La Leggenda del Santo Inquisitore, in cui immagina il ritorno di Gesù in Terra, nella Spagna del XV secolo.

Baricentro strutturale del libro è Alëša, dalla forte sensibilità religiosa, il più giovane tra i fratelli, tentato dalla vita eremitica ma segretamente attratto da Liza, al quale il monaco Zosima, anch’egli dal passato tempestoso, sorta di fra Cristoforo russo, consiglia di restare nel mondo: «Lì c’è più bisogno di te!», in sostanza gli dice dopo aver visto coi suoi occhi le tensioni presenti nel gruppo familiare. Alëša, nonostante gli sforzi, non riuscirà a risolvere il dissidio fra i suoi parenti, che resterà dentro di lui come una ferita insanabile e sanguinosa, ma diventerà un punto di riferimento essenziale per un gruppo di ragazzi, prima in contrasto fra loro, poi legati da suprema amicizia, che lo eleggeranno a maestro spirituale.

In questo finale luminoso, tutt’altro che compiuto, dal momento che non sappiamo se Dmitrij, ingiustamente condannato ai lavori forzati, riuscirà a fuggire in America, Dostoevskij, non più uomo del sottosuolo, ci lascia una speranza di superstite fraternità, dolorosamente segnato e consapevole del male umano, ma determinato a superarlo a ogni costo con la proclamata fede nel mondo nuovo che le giovani generazioni di volta in volta allo stesso tempo incarnano e portano avanti.

Da Romasette.it

Leggi tutto...

Mattarella e la guerra In evidenza

«L’indivisibilità della condizione umana ci deve spingere oggi, con fermezza, insieme agli altri Paesi che condividono i valori democratici, ad arginare e a battere le ragioni della guerra aperta dalla Federazione russa al centro dell’Europa». Lo ha affermato con forza il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, questa mattina, 17 marzo, in occasione del 161° anniversario dell’Unità d’Italia e della “Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera”. Per il capo dello Stato, «italiani ed europei siamo chiamati alla solidarietà e all’aiuto nei confronti delle popolazioni terribilmente colpite, e all’impegno perché si fermino i combattimenti, si ritirino le forze di occupazione e venga ripristinato il diritto internazionale».

L’Italia, ha rilevato Mattarella, «celebra la Giornata dell’Unità nazionale, della Costituzione, dell’Inno e della Bandiera, commemorando il 161° anniversario del raggiungimento dell’unità del Paese. Una storia lunga e travagliata – ha ricordato -, che ha portato a realizzare gli ideali di indipendenza, libertà, democrazia propri al Risorgimento e alla lotta di Liberazione e realizzati pienamente con la nascita della Repubblica e l’approvazione della Carta Costituzionale». Nell’analisi del presidente della Repubblica, «la coesione e i valori che uniscono gli italiani hanno reso forte la nostra comunità, consentendole di affrontare e superare prove e difficoltà grandissime, come la tremenda pandemia e le sue conseguenze».

Da Romasette.it

Leggi tutto...

Log in